nnanzitutto bisogna saldare il prezzo di aggiudicazione entro 60 giorni dalla data dell’Udienza. Poi occorre pagare le spese per le imposte sull’acquisto, di registro, ipotecarie e catastali, da un minimo del 4% per la prima casa a un massimo del 10% per le abitazioni non di lusso. Qualche decina di euro andrà spesa per la copia e la cancellazione delle trascrizioni. Quando il giudice emetterà il decreto di trasferimento, che equivale al rogito notarile nella compravendita tra privati, voi entrerete effettivamente in possesso della vostra nuova casa.

Con il decreto di trasferimento inoltre, il giudice ordina al debitore e/o a eventuali occupanti senza titolo, di lasciare l’immobile. Il decreto non può essere contestato, ma se non viene rispettato (come succede nella maggior parte dei casi), come proprietari si può intimare il rilascio della casa entro una certa data. Se ancora il rilascio non avviene, come purtroppo accade spesso, si può chiedere l’intervento della forza pubblica. Questa è una fase delicata, che richiede di solito dai 6 agli 8 mesi, se tutto va bene, ed è consigliabile farsi assistere da un avvocato.

RINUNCIA ALL’IMMOBILE AGGIUDICATO ALL’ASTA

Se dopo qualche giorno ci si rende conto di aver fatto una scelta azzardata o sopraggiungono complicazioni personali di qualunque genere, è possibile rinunciare al bene aggiudicato, che tornerà all’asta entro pochi mesi. In questo caso però il Tribunale tratterrà l’intera cauzione versata con l’offerta.